Primi passi nella meditazione buddista – Pubblicato il 5 LUGLIO 2013 dal buddismo Now

Seduto in meditazioneLa consapevolezza è la chiave . Ma che cosa significa la parola significa per te? Per molte persone, forse, denota un riconoscimento di ciò che sta succedendo intorno a loro in una sorta generale di modo.Nel contesto della meditazione, tuttavia, significa ‘risveglio’, diventando molto sensibile, conoscere, sentire, vivere il momento nel suo stato originario, percependo colori e contorni, suoni, texture, odori, riconoscendo le tendenze dentro di sé ancora resistere il tiro per essere controllato da loro – questo è meditazione, per cominciare almeno. La vita è un po ‘un gioco davvero, non è vero? Saremo lieti di qualcosa e quando si tratta di noi critichiamo, risentirsi, preoccupare, vuole cambiare, vuole fare meglio. Perché così tanti esseri devono sopportare la fame e il freddo, il caldo, la malattia, la crudeltà, fisico e abuso mentale e la privazione, la tortura, l’ingiustizia, e tutto il resto?Alcuni devono passare attraverso un inferno, non è vero? E altri soffrono perché non c’è alcun formaggio in frigorifero. Il Buddha ha espresso quello che ha vissuto. ‘Noi soffriamo,’ ha detto, ‘dal volere ciò che non abbiamo già.’ ‘Sì’, si può dire, ‘e che altro?’ Beh, niente altro. Che sembra essere esso. La causa di ogni sofferenza è desiderio, volendo, volendo, desiderando. Non suona molto più di una ragione. Che dire del marito? . . la moglie?. . il lavoro? . . il tempo? Che dire del dolore al braccio? Non è possibile cambiare il passato, organizzare il futuro di soddisfare se stessi, o fare altre persone dicono e fanno le cose che si desidera loro di dire e fare. Tutta la vostra energia è contenuta all’interno di questo momento, in relazione a questo particolare corpo e la mente . E questa è una posizione molto potente per essere in Il Buddha seduto da solo, accompagnato solo dalla sua stessa onestà e profonda consapevolezza fino a quando sono andati in frantumi le barriere alla verità. Nel corso dei secoli ogni sorta di pratiche elaborate sono state costruite su questo semplice approccio. Il Buddha in realtà non hanno un metodo diverso consapevolezza, e la consapevolezza alcun metodo a tutti, si tratta di un semplice ‘apertura degli occhi’, una sorta di risveglio, come se da un sogno. Questo è tutto! Ma questo è tutto. Guardando un fiore © BPGChi vuole meditare può, ma alcuni hanno bisogni psicologici che non sono necessariamente soddisfatti da approfondire labirinti della mente non assistite. Fare ciò che è giusto per te. Se pensiamo a ciò che vediamo, sentire, olfatto, gusto e tatto, invece di vedere, sentire, odorare, gustare e toccare, non otteniamo il sapore dell’esperienza. Prova a fare un lavoro, qualsiasi lavoro, senza pensare al lavoro stesso o altro ancora. Basta stare con il corpo. Resta con il processo, l’azione nel corpo.Evitare di operare dall’interno della testa.Lasciare che l’azione da fare per sé molto naturalmente nel corpo. Che è esperienza senza pensiero, oltre il pensiero, è un’esperienza non falsata e non adulterata, nulla è stato aggiunto al processo, e nulla tolto. Tutte le situazioni sono immediatamente noti per quello che sono senza l’aiuto del pensiero. In realtà, il pensiero di solito confonde solo la mente. Avere una tazza di tè © BPGPensare è, ovviamente, una parte della vita troppo, e in certe forme, è inestimabile. Saggiamente riflettere, sapientemente progettando, contemplando – queste sono forme creative di pensiero, ma questo non è il tipo di pensiero di cui sto parlando, e non è il tipo maggior parte di noi impegnarsi in per la maggior parte del tempo. Pensieri che passano sorgono – questo è naturale, e ci possono portare ispirazione. Ma quando si indulge in quei pensieri che passano, dandole, sguazzare in loro, impigliarsi in loro, si collegano in una sorta di catena di speranze, paure, dubbi, ansie, opinioni e pareri. ‘Bere una tazza di tè’, come si dice nello Zen. Non pensare a bere una tazza di tè – solo bere. Assaggiarlo.Feel it. Buon divertimento. Questo è l’esperienza di là del pensiero. Che bello! Come libero! Meditazione Abbiamo bisogno di una struttura per cominciare, sì, e abbiamo bisogno di un calendario e di un grado di disciplina, molto probabilmente, ma non dobbiamo abusare della puntelli. E non contiamo le ore seduti come crediti verso una laurea in completa illuminazione da assegnare negli anni successivi, o nella prossima vita. A meno che uno di motivo di meditazione è in ordine di svegliarsi alla realtà in questo momento, allora è dubbio se qualcosa di diverso da una sorta di sonno, o lo stato mentale negativo avverrà come conseguenza di esso. in piedi davanti a un grande specchio chiaro La meditazione è il grande antidoto all’ignoranza. Esso ci permette di vedere noi stessi chiaramente come siamo, come se davanti a un grande specchio chiaro. Nulla è nascosto. Se i movimenti del corpo e dei processi mentali sono osservaticon intelligenza e con mente aperta, ci si rende subito conto del mistero della vita. Consapevolezza nella vita quotidiana Siate consapevoli di: azioni, intenzioni, stati emotivi, reazioni mentali e fisiche. Fare uno sforzo per ricordarsi di essere a conoscenza. Lasciate che il corpo sia consapevole di se stessa. Lasciate che le cose vanno – passando pensieri, opinioni e stati emotivi. Meditazione seduta Non disturbareTrova un posto tranquillo dove si può essere totalmente libero di interruzioni – una stanza, se possibile, o un piccolo angolo della casa. Rendono molto chiaro a marito, moglie, figli o chiunque altro vive in casa, ‘Questo è un momento che non sono essere disturbato.Domande, messaggi telefonici e pezzi vari di informazione possono aspettare fino a quando ho finito. ‘Essere molto chiara e ferma, altrimenti la tua meditazione sarà tesa e ansiosa, come si sta seduti in attesa che la porta si apre e una voce chiamare il tuo nome. Se il resto della famiglia che tu sei pazzo, bene. Confermare le loro peggiori paure.Sì, tu sei pazzo e siete molto felice di questo. Si sta per imbarcarsi in un viaggio emozionante e non vogliono essere truffati fuori da opinioni altrui. E non si sentono in colpa per aver dedicato del tempo per voi stessi. E ‘strano come gli altri possono diventare piuttosto geloso del momento strano si vuole spendere solo. Si può ben essere accusato di essere egoista, irresponsabile in considerazione degli altri, e di voler sfuggire alla realtà. Non lasciatevi scoraggiare! Non devi essere solo, ovviamente, se qualcuno vuole meditare con voi, o se si vuole meditare in un gruppo, andare avanti. Ora una postura seduta deve essere adottato. Ci sono diversi tra cui scegliere.Trova quello che è più adatto per voi.

Una certa quantità di sperimentazione può essere necessaria al fine di trovare la giusta posizione, uno che può essere tenuto senza troppa difficoltà per circa venti minuti. Si può, naturalmente, vogliono praticare una postura altre volte, quello che si vorrebbe essere in grado di adottare, ma non può gestire al momento. Mani e occhi Aprite gli occhi abbastanza per essere guardando il pavimento un piede o giù di lì di fronte a voi, senza concentrarsi su nulla. Mani in meditazione Durata E ‘importante decidere in anticipo quanto tempo una sessione deve durare, altrimenti sarete pensarci tutto il tempo e mi chiedevo,’ Devo smettere adesso? ‘ Dieci minuti è probabilmente sufficiente inizialmente e può essere aumentata a quindici o venti dopo pochi giorni o settimane. Al termine di alcune settimane di seduta regolare, 30 minuti probabilmente sarebbe più appropriato. A seguito di questo, quarantacinque o 60 minuti può essere una possibilità. Meditatori Praticato tendono a non sedersi per più di questo periodo di tempo in una qualsiasi seduta. È necessario giudicare voi stessi ciò che ritiene giusto. La durata della seduta è alcun segno di progresso, è la qualità di ogni momento che è importante. Se la seduta diventa una prova di resistenza, di conseguenza, ha perso il suo valore e sarai sprecare il vostro tempo, o peggio, sarete voi stessi mettendo fuori meditazione del tutto. Meglio sedersi per un periodo più breve con entusiasmo ed energia rispetto a trascinare se stessi attraverso un’ora finta. Quando? Quando è il momento migliore della giornata per meditare? Alcuni dicono prima cosa al mattino, altri dicono ultima cosa di notte. È necessario trovare da soli. Il fattore decisivo non può essere lo stato della vostra mente, ma un fitto calendario, o la vita frenetica della vostra famiglia. Il momento migliore potrebbe, quindi, essere nel bel mezzo del pomeriggio quando tutti sono fuori, o all’alba quando sono ancora tutti dormono e l’aria è limpida, o alle dieci di sera, quando i bambini sono a letto e nel silenzio regna. Seduta È possibile, come per sedersi più di una volta al giorno. Molte persone si siedono due volte. Meditate quando si può, quando è il momento giusto. Inizio Hai trovato un luogo adatto in cui meditare, e di aver risolto una bella posizione in cui sedersi. La schiena è dritta. Gli occhi sono socchiusi. Le mani poggiano liberamente una sopra l’altra, palme verso l’alto, nel giro. Il lato fisico delle cose è tutto pronto. Ma ciò che sta accadendo nella mente? E ‘calmo e tranquillo? E ‘pieno di aspettative? E ‘chiacchierando via a se stesso – immaginare, chiedendosi, preoccupante, la pianificazione? Conteggio Respiri Inspirate e contare silenziosamente a te stesso ‘uno’. Espirare e contare ‘One’ di nuovo. Ora avete contato un respiro completo. Sul seguente numero di inalazione ‘due’ e ‘due’ sulla espirazione. Continuare a contare per dieci respiri completi. Poi ricominciare a ‘uno’. Ci può essere qualche difficoltà a mantenere piena concentrazione per il tempo necessario per respirare dieci respiri completi. La mente sarà probabilmente vagare. Se così non fosse, sarei molto sorpreso! Se e quando la mente vaga, dunque, e il conteggio viene perso, semplicemente ricominciare a ‘uno’. Se il conteggio diventare meccanico, ancora una volta, torna a ‘uno’. Un’altra possibilità è che ti ritrovi a contare senza pensare al di là di dieci, e questo sarà un ulteriore indizio di perdita di concentrazione. Torna all’inizio ancora e ancora. Si possono trovare difficilmente si può raggiungere ‘due’ prima della concentrazione va. Non importa. Raggiungere ‘dieci’ non è l’oggetto dell’esercizio.Cercando di farlo è lo scopo. E in questo sforzo molto sarà rivelato e realizzato. Si prega di non diventare frustrati o depressi a causa di questa incapacità di controllare la mente. Stai vedendo come funziona la mente. Si sta scoprendo come si lavora. Ecco perché si sta meditando. Essere interessati a quello che stai facendo e quello che si scopre su di te. Perdonare te stesso se si trova la vostra concentrazione è scarsa, e continuare a fare lo sforzo. Fate lo sforzo, ma senza forza, cerca di farlo in modo dolce, portare dolcemente la mente indietro nel tempo di esercizio e più volte. Siate pazienti con voi stessi. Lasciatevi essere quello che sei, e cercare di rimanere con il conteggio. Ci sono molte varianti concentrandosi sul processo di respirazione, ma voglio elencare solo tre. Solo uno di loro è da utilizzare – non importa quale. Sono tutte di uguale valore quindi non c’è questione di progressione da uno all’altro. Eppure si potrebbe desiderare di provare tutti fuori col passare del tempo per vedere che si adatta al meglio. Infine, tuttavia, decidere su uno e attenersi a quello.

  1. Concentrandosi sulla durata dei respiri presi. Si tratta di un lungo, profondo respiro? E ‘un respiro breve? O è né lungo né corto?
  2. Concentrandosi sulle sensazioni calde e fredde nelle narici come l’aria scorre attraverso inspirando (freddo) ed espirando (caldo).
  3. Concentrandosi sul ascesa e la caduta dell’addome (circa tre dita sotto l’ombelico), mentre la respirazione in (in aumento) e l’espirazione (caduta).

La respirazione è un processo continuo, mentre uno è vivo e per questo motivo molto comoda tema su cui meditare. E … Seduto in meditazione buddistaMentre il conteggio avviene al ritmo del respiro, la mente sarà calma e chiara, anche se solo per un po ‘. Quel momento o due di chiarezza sarà sufficiente per rivelare il valore di concentrazione.Preoccupante, sperando, sognando e desiderando non può occupare uno spazio già riempito con il conteggio dei respiri.Questa è una semplice rivelazione che ha un significato profondo, da contemplare e pienamente realizzato. Proprio concentrando in questo modo semplice, può venire distanti, o sciogliere, uno stato mentale negativo, anche se solo per un momento. La meditazione è un modo di affrontare le questioni profonde e reali e di vivere la loro trasformazione in qualcosa di positivo e creativo. Dopo un po ‘, un grado di concentrazione e tranquillità inizierà a manifestarsi e svilupparsi. E ‘impossibile dire quanto tempo ci vorrà. Per alcuni può essere quasi immediata, per altri può richiedere settimane o mesi, o strisciare su di loro impercettibilmente per un periodo di tempo più lungo. Quando sarà il momento giusto, l’esercizio fisico può fare a meno. Ma dovete essere onesti con voi stessi. E ‘tempo di lasciare questo esercizio? Ha raggiunto il suo scopo? Non vi è alcun punto in attesa di perfezione! Si può mai contare dieci respiri senza tentennamenti. E ‘sufficiente stabilire solo una certa concentrazione, e di sperimentare solo un certo grado di chiarezza e calma. Se si attende per la perfezione – un flusso ininterrotto di dieci conteggi più e più volte per 20 minuti o giù di lì – si può attendere per un tempo molto lungo! Spostare quando si sente veramente è il momento. Esperimento, se volete, potete sempre ritornare a questo esercizio di nuovo in futuro, se si ritiene necessario. È tutta una questione di trovare l’equilibrio tra muovendo troppo velocemente e non si muove affatto. Attaccamento Essere consapevoli del respiro e di essere a conoscenza di qualsiasi altra cosa passa per – un certo senso, un sentimento, un pensiero, un odore, un suono. Lasciate che la mente aperta. Osservare, ma non come qualcuno che guarda. Cercate di non essere coinvolti in pensieri. Lasciate che svolgono la loro funzione e poi lasciarli passare, altrimenti non sarà gratuito. Attaccamento a tutte le sensazioni – piacevoli o spiacevoli – è la strada per la felicità. Buona fortuna. Quanto sopra è stato estratto da Experience di là del pensiero una guida pratica di meditazione buddista. di Diana St Ruth

 

http://unacasasullaroccia.com/2014/03/23/conoscerete-la-verita-e-la-verita-vi-fara-liberi/

Informazioni su Giorgio Mantello

Nessun commento ancora... lascia il tuo commento per primo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: