the space

the space

Chi per primo realizzò l’idea che la distesa che si trovava davanti a lui era Spazio non disse niente. Non era possibile dirlo: era soprattutto una scoperta dentro di lui…..era spazio e fu silenzio, perché in “quello” si sarebbero realizzate le nostre vite. Fu così che nacque lo Zen che “non” insegnò a capire senza capire, anche questa fu una grande realtà dello spirito che permise a molti di liberarsi dall’angustia delle limitazioni e dei condizionamenti……lo Zen è là, nel lago, tra gli alberi, ovunque, ma non……o è anche là? Quando rifletti la superficie del lago senza che questa si increspi nella tua mente, allora sei il lago, l’albero, il pettirosso sul ramo….vedi il pendio del monte è ancora innevato, tu sei anche lì. Quante cose ti appartengono! E’ tutto tuo, chi te lo può negare? Che differenza passa tra la vita e la morte se nessuno ti può sottrarre alcunché?

Informazioni su Giorgio Mantello

Nessun commento ancora... lascia il tuo commento per primo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: